mercoledì 30 aprile 2014

Come riempire i tavoli del tuo ristorante




Ultimamente noto che molti ristoratori come voi  hanno perso la speranza.
Da tempo non riuscite ad ottenere i risultati di un tempo, il locale è sempre meno pieno ed i giorni in cui si riempe il locale sempre di meno.

Colpa della minor capacità economica, colpa del cliente che diventa sempre più strano, colpa del governo che non aiuta, anzi.

Tutto vero ma anche colpa vostra.

Molti di voi infatti di fronte a tutti questi cambiamenti repentini si ostinano, cocciuti come muli, a non cambiare una fava.
Come quelle mosche che battono continuamente il capo contro il vetro speranzose di poter volar via, così voi ristoratori continuate a fare sempre le stesse cose con la speranza di ottenere diversi risultati.

Vi svelo un segreto, se volete ottenere risultati diversi dovete fare cose diverse.

I miei clienti, soprattutto quando ancora non mi conoscono bene, provano a convincermi che loro fanno continuamente cose nuove...un nuovo piatto nel menù, una nuova bottiglia di vino, un nuovo evento.
Alla seconda testata al setto nasale smettono di parlare ed iniziano ad ascoltarmi.

Fare cose diverse infatti non significa fare piccoli cambiamenti al proprio locale ma bensì fare qualcosa di diverso da tutti gli altri, rendere il proprio locale e soprattutto l'esperienza vissuta al suo interno veramente unica.

A questo punto è necessaria un pochino di fantasia ed uscire dalla mentalità "il mio cliente viene da me perché da me si mangia bene" o "il mio cliente da me si sente a casa".
Se prendo per l'orecchio cento ristoratori nessuno di loro mi dirà "da me si mangia da schifo" e quindi non può essere il "mangiar bene" l'idea diversificante né tanto meno il cliente uscendo di casa vuole sentirsi a casa, altrimenti sarebbe rimasto a casa (quando il cliente dice questo sappiate che in realtà vorrebbe dire altro ma non sa come esprimerlo. Questo concetto è un po' troppo complicato e verrà affrontato in un post apposito).

Allora come ci si può diversificare veramente?
I modi sono diversi ma a grandi linee possiamo raggrupparli in:


  • Diversificarsi per una portata. Sono specializzato in carne alla brace piuttosto che in primi piatti (pensate ad un locale che cucina solo primi piatti ma creando centinaia di ricette diverse, potrebbe funzionare?)
  • Diversificarsi per una portata ma restringendo il campo. Sono specializzato in piatti utilizzando solo ed esclusivamente carne di maiale.
  • Diversificarsi per una tipologia di cucina. Sono specializzato in cucina cubana piuttosto che regionale (a dire il vero il regionale ha un po' stancato).
  • Diversificarsi per un ingrediente. Sono specializzato perché uso il tartufo su ogni mio piatto.
  • Diversificarsi per un tema. Sono specializzato perché il mio locale ha una ambientazione stile medioevale ed ogni operatore di sala è vestito a tema e parla come nel medioevo.
  • Diversificarsi per una caratteristica. Sono specializzato perché nel mio locale c'è un' area gioco in cui ci sono svaghi ed operatori addetti al controllo dell'incolumità dei bambini dai 2 ai 12 anni.
  • Diversificarsi per una filosofia. Sono specializzato perché assumo solo operatori di sala fuori di testa che trattano i clienti in modo strampalato (Il locale "La parolaccia" insegna)
  • ..........
Ecco, queste sono solo alcune idee che mi sono venute in mente al volo e naturalmente (mettevi in testa che se le soluzioni erano semplici ci eravate già arrivati da voi) da sole non bastano per riempire il locale. 
Per poter veramente fare la differenza è necessario analizzare caso per caso, locale per locale, realtà per realtà cercando le soluzioni più adatte ed efficaci per il tuo ristorante.

A meno che tu non voglia continuare a vedere i tavoli del tuo locale vuoti, visita il sito www.professioneristoratore.it e richiedi informazioni riempendo l'apposito format.





Nessun commento:

Posta un commento

Intervista ad Andrea Fontana, ristoratore e relatore all'evento Professione Ristoratore Revolution 2018

Ospite della giornata del nostro blog è Andrea Fontana, titolare della trattoria Il Gabbiano situata a Corte de' Cortesi (CR). An...