martedì 29 aprile 2014

Il marketing sbagliato per un ristorante



Una delle convinzioni maggiori ed anche più errate nel mondo della ristorazione (lo stesso fenomeno accade anche in altri settori in cui si vendono servizi) è che per fare un buon marketing servano un sacco di soldi.


A dire il vero il settore dei servizi ed in particolare tutti quei settori in cui c'è un forte contatto con il pubblico (mi sembra che la ristorazione possa rientrarci) sono quelle poche realtà in cui si può fare un ottimo marketing senza necessariamente spendere tanto.

Questa convinzione nasce dal fatto che quando un ristoratore si trova in difficoltà fa una cosa che può apparir più che logica, nella teoria, ma che nella pratica non funziona affatto:

SI RIVOLGE AD UNA AGENZIA MARKETING

Vorrei farvi sapere che un agenzia di marketing media funziona con un grafico ed uno sviluppatore di siti internet.
Quello che loro vi proporranno, facendovi spendere i vostri soldi, sarà di creare un bel sito, indicizzarlo, preoccuparsi del posizionamento sui motori di ricerca, fare un bel po' di cartelloni da appendere in città e qualche volantino.

Niente di più, perché difficilmente in un'agenzia marketing c'è un esperto di marketing. Strano? Lo so.

Quello che io affermo sempre (e sempre più spesso e convinto) è che il buon marketing può partire solo ed esclusivamente dall'interno e per questo è necessario fare un'attenta analisi di strani concetti quali ad esempio:

- Motivazioni
- Valori
- Cultura del locale
- Clima all'interno del locale
- Coerenza nei vari livelli dell'attività
- Identità del locale
- Unicità del locale
- .....tanti altri ancora

Fatto questo e quindi compreso insieme al cliente (voi) cosa si vuole esprimere come attività ristorativa al cliente finale (chi viene a mangiare da voi) si può iniziare a parlare di marketing mettendo sempre al centro dell'attenzione il concetto di posizionamento, non quello sui motori di ricerca ma quello nella testa dei vostri clienti.

Iniziare quindi a porsi domande quali:


- Qual'è il primo concetto che viene in mente al mio cliente quando pensa al mio locale?
- Esiste una ed una sola parola che posso associare al mio locale?
- Esiste un motivo oggettivo per cui il cliente dovrebbe scegliere me?


Quello che ne deriva è un miglioramento del servizio offerto, inteso come ritrovamento di una identità espressa al cliente, tale da non dover ricorrere a strumenti che oltretutto portano a risultati veramente miseri.

E senza spendere troppi soldi. 


Detto questo, se vuoi scoprire come poter aumentare gli incassi del tuo locale, attraverso un percorso veramente efficace, lascia i tuoi dati CLICCANDO QUI e visita il nostro sito www.professioneristoratore.it

Nessun commento:

Posta un commento

Come il neuromarketing può aiutarti nella creazione di un menù che ti faccia guadagnare di più

Sulla creazione di un menù che possa vendere di più è stato già scritto in questo blog. In un precedente articolo ( CLICCA QUI PER LEG...