domenica 15 giugno 2014

Come la tua leadership può influenzare il fatturato del tuo ristorante



Ogni buon ristoratore (come ogni buon imprenditore) ha estremamente a cuore il fatturato della propria attività.

Per questo sa che deve necessariamente tenere sotto controllo costi, sprechi e naturalmente trovare uno stramaledetto modo per portare nuovi clienti nel proprio locale e fidelizzare chi già lo conosce.

A condire il tutto c'è la pressione fiscale e le scadenze da rispettare, i clienti scontrosi e sempre più esigenti.

Diciamo la verità:


ESSERE OGGI UN RISTORATORE E' DAVVERO DURA

Quello che però spesso sfugge a molti è che questa situazione non DEVE essere affrontata da solo e che se realmente il titolare vuole il successo del proprio locale deve mettersi bene in testa quanto sia importante  e quanto può fare per lui e con lui il suo team.

Un team, che non è un semplice gruppo di lavoro, ha delle caratteristiche ben precise e certamente necessita di una figura che possa guidarli nel modo e nella direzione giusta attraverso abilità che a differenza di quanto si crede in giro si possono imparare.

In parole povere ogni team necessita di un leader.

Ora, la domanda che sorge spontanea è se tu hai o meno quelle caratteristiche che possano tirar fuori il meglio dai tuoi collaboratori.

Se così non fosse potrebbe accadere che mentre tu diventi matto per far si che tutto vada per il verso giusto, mentre tu ti affanni per capire dove sbagli e quali potrebbero essere le soluzioni migliori, mentre cerchi di trattare i tuoi clienti in modo da renderli felici e farli tornare da te il resto della tua brigata vada in un' altra direzione.

Potrebbe accadere inoltre che tu non sempre ti accorga di atteggiamenti sbagliati, di comportamenti dannosi o semplicemente del fatto che i tuoi collaboratori non siano spinti a dare il massimo per il bene dell'attività.
Quante volte, per dispetto, un cameriere si è messo in malattia per lunghi periodi mettendoti nel caos più totale?
Quante volte all'interno della cucina sono volati insulti (se non qualche pentola) per frizioni fra i vari componenti con conseguenze disastrose per il servizio?

Le soluzioni a questo punto possono essere solamente 2:


  1. Deleghi la leadership a qualcun altro;
  2. Ti metti in testa di capire come diventare un leader migliore

Si lo so cosa stai pensando: 

LA LEADERSHIP NON SI PUO' IMPARARE, CON CERTE CARATTERISTICHE CI SI NASCE E CHI NASCE QUADRATO NON PUO' CERTO MORIRE TONDO

Lo so perché questa obiezione mi viene fatta più o meno una volta a settimana mettendo in campo doti innate e fattori carismatici.
Naturalmente io godo di fronte a discorsi di questo tipo e invito chi mi sta di fronte a darmi la possibilità di dimostrare l'esatto contrario.

Immagina solamente per un attimo che tu riuscissi a gestire al meglio non solo collaboratori ma anche fornitori e clienti.
Immagina di imparare quali sono i meccanismi dei team che ottengono le performance migliori, quali sono le leve motivazionali che smuovono le persone, quali sono le giuste strategie dei leader più efficaci.
Immagina inoltre di poter trasmettere queste conoscenze e queste abilità ai ruoli fondamentali presenti nel tuo locale.
Quali pensi che possano essere le conseguenze in termini di prestazioni e, di conseguenza, di fatturato?

Per questo abbiamo ideato un percorso formativo nel quale un' intera giornata è dedicata alla leadership ed al lavoro in team.

Per questo, quando entro in un' attività ristorativa per prestare il mio servizio, cerco immediatamente di individuare quali sono le figure chiave, chi crede di avere in mano la leadership e chi invece realmente ha una forte influenza sulla squadra.


Se sei interessato a saperne di più visita il sito www.professioneristoratore.it oppure CLICCA QUI per ricevere gratuitamente informazioni a riguardo.


Una delle cose che più amo nella ristorazione è il fatto che il personale venga paragonato ad una brigata, anzi per meglio dire un ristorante che si rispetti dovrebbe essere strutturato con una brigata di cucina ed una brigata di sala e con relativi leader che possano guidarle.

In realtà vedo spesso strutture con potenziali altissimi gestiti e strutturati in modi inefficaci e fantasiosi, ruoli chiave ricoperti dal figlio di..., dal nipote dell'amico di..., titolari che vogliono metter bocca in cucina intralciando il lavoro dello chef.

Se nel tuo locale ci sono situazioni simili sappi che te e la tua squadra non potrete mai ottenere il massimo (soprattutto a livello di introiti) se non farete niente per cambiare e tu sei il primo responsabile di questo fallimento.





Clicca nell'immagine e richiedici informazioni, per il successo del tuo locale.

Nessun commento:

Posta un commento

Come il neuromarketing può aiutarti nella creazione di un menù che ti faccia guadagnare di più

Sulla creazione di un menù che possa vendere di più è stato già scritto in questo blog. In un precedente articolo ( CLICCA QUI PER LEG...