martedì 2 settembre 2014

I nemici del ristoratore - parte quarta -



Siamo arrivati alla quarta puntata della saga "I NEMICI DEL NOSTRO POVERO RISTORATORE".

Nei precedenti post abbiamo parlato di clienti, della rivoluzione internettiana e dei collaboratori, analizzando come tutto sia cambiato rendendo la vostra vita decisamente più dura.

Oggi parleremo di alcuni personaggi che in tutto e per tutto rappresentano un pericolo enorme per la vita della tua attività ristorativa:

I CONSULENTI (E LE AGENZIE) MARKETING

Nella ristorazione difficilmente l' imprenditore cerca aiuto all'esterno, in quanto spesso è convinto di possedere tutto il sapere necessario per cavarsela e quando le cose non vanno per il meglio la maggior parte delle volte le cause risiedono fuori dalla porta del locale.

Di solito la decisione della richiesta di aiuto coincide con una situazione del locale talmente disastrosa da richiedere l'intervento di un santo capace a far miracoli piuttosto che di un consulente.

Non avendo capacità di parlare con l'aldilà il nostro povero titolare si rivolge a:

  • Un agenzia marketing
  • Un consulente marketing

La prima è formata da 2 o più persone che generalmente si occupano di tutti i settori.
Il loro approccio è quello di apportare degli interventi che possano portare più clienti nel tuo locale (ma che sono gli stessi che adotterebbero per il ferramenta che vi sta accanto) e sono:
  • Miglioramento sito internet
  • Cura del posizionamento sui canali di ricerca (CEO)
  • Creazione di cartelloni pubblicitari da posizionare nella tua città
  • Volantinaggio 
Il secondo è generalmente un professionista che lavora da solo, che magari ha un passato come ristoratore e quindi ha un' esperienza maggiore nel tuo settore specifico.

Perché dovrebbero però rappresentare un pericolo per te?

Per il semplice motivo che nella maggior parte dei casi vanno ad agire su tutto ciò che è fuori dal locale e non dentro.

Facciamo un esempio:

Il tuo consulente o la tua agenzia ti consiglia di fare una bella campagna pubblicitaria utilizzando dei cartelloni da posizionare negli angoli più frequentati della tua città.
Tu non ci vedi niente di male, ma:

  • Tecnicamente è un modo di fare marketing molto antiquato perché si rivolge a tutti e quindi anche a coloro che non hanno nessuna intenzione di provare un nuovo ristorante  mentre al giorno d'oggi (magari con tempi un pochino più lunghi) è possibile rivolgersi solo ed esclusivamente ad una lista di clienti che per un motivo o per l'altro sono interessati a voi, oltretutto con spese minori
  • Per lo stesso motivo di prima non solo non avete nessun modo di verificare quanti clienti vi porta questa campagna ma neanche di sapere quante persone hanno letto il vostro cartellone (cosa che è invece possibile con metodi più moderni)
  • Punto più grave: il cartellone lo progettano loro, focalizzandosi esclusivamente sulla bella grafica e su frasi ad effetto e più scrivono più sono contenti, con il risultato di avere un cartellone impossibile da leggere se non fermandosi 10 minuti (e con i ritmi di oggi chi lo fa?)
  • Al 90% di questi personaggi non gli passa lontanamente per la testa di domandarti PRIMA quale sia l'obiettivo che TU vuoi raggiungere
  • Al 90% di questi personaggi non gli interessa del tuo successo a lungo termine ma solamente di farti arrivare qualche nuovo cliente in modo che tu sia contento,  paghi, per poi ritrovarti dopo qualche mese con più problemi e meno soldi.


In realtà, per come la vedo io un consulente marketing non dovrebbe MAI dare soluzioni.

E tu, a questo punto ti domanderai che cosa lo hai chiamato a fare!!!

Un vero consulente, orientato a risolvere i tuoi problemi e a farti raggiungere i risultati da te prefissati (e lui deve esser bravo a tirarteli fuori) e sopratutto NON orientato solo a spillarti soldi non è quello che ti trova le soluzioni ma che ti rende la persona capace di trovare le soluzioni e questo perché:

  • Se lui ti trova le soluzioni ai tuoi problemi di oggi dovrai richiamarlo per i tuoi problemi di domani
  • Ogni attività ristorativa è diversa dall'altra e quindi richiede soluzioni differenti e tu sei la persona migliore per trovare le tue soluzioni
  • Solo partendo dall' interno è poi possibile risolvere i problemi e raggiungere gli obiettivi a lungo termine, il che significa fare un' analisi precisa dell'identità e della filosofia del locale e se non c'è trovarla, preoccuparsi di come vieni percepito dalla tua clientela ed un sacco di altre cose

Ritornando al nostro bel cartellone pubblicitario messo nelle strade esso ha un senso solo se:

  • Esprime la tua identità e ciò che ti rende unico (il tuo locale non ha un'identità o nulla che lo rende unico? È proprio qui che dovrebbe battere il nostro bravo consulente,  non sulla grafica)
  • Lo fa con il minor numero di frasi ed immagini in modo da essere chiaro ed efficace

Questo però prevede un bel lavoro PRIMA di mettere giù l'idea in se per se, lavoro fatto di una vera consulenza rivolta all'imprenditore, grazie alla quale scoprire valori, passioni, identità e filosofia del titolare e del locale stesso.

Ricorda che devi assolutamente metterti una mano al portafoglio e scappare a gambe levate se le persone a cui ti rivolgi:

  • Ti danno soluzioni veloci
  • Ti danno soluzioni senza chiederti il parere
  • Lo fanno subito, senza primi riempirti di domande
  • Non cercano di scoprire quali sono i tuoi reali obiettivi
  • Ti parlano solo di grafiche, siti, volantini e cartelloni
  • Vogliono venderti soluzioni preconfezionate (come ad esempio info-prodotti)


Detto questo detto tutto,  vi ricordo solamente di visitare il nostro sito www.professioneristoratore.it

P.S.  Se siete curiosi e se credete che il vostro ristorante possa raggiungere risultati migliori non aspettate di trovarvi nelle condizioni peggiori,  i miracoli non li abbiamo mai fatti. 

Nessun commento:

Posta un commento

Come il neuromarketing può aiutarti nella creazione di un menù che ti faccia guadagnare di più

Sulla creazione di un menù che possa vendere di più è stato già scritto in questo blog. In un precedente articolo ( CLICCA QUI PER LEG...