lunedì 16 marzo 2015

Le frasi che nessun ristoratore dovrebbe mai utilizzare



Un concetto fondamentale del marketing è il seguente:


"SPOSTA LA TUA ATTENZIONE DAL PRODOTTO AL CLIENTE"


Questo semplicemente perché tu potresti essere profondamente convinto che il tuo prodotto o servizio sia il migliore al mondo ma il cliente potrebbe:

  • Pensare che il tuo prodotto/servizio non sia così eccezionale
  • Non conoscere il tuo prodotto/servizio
  • Non aver bisogno del tuo prodotto/servizio

Applicando questo concetto alla ristorazione immagina di avere un ristorante in cui il cibo è meraviglioso, il servizio ottimo, il prezzo corretto.

Sarebbe paradossale immaginare questo tipo di locale avere problemi a trovare dei clienti.

Eppure questa è la situazione in cui si trovano tantissimi ristoranti del nostro paese.

Questo perché alla maggior parte dei  ristoranti manca una parte fondamentale senza la quale nessuna attività avrà mai successo, ossia quella di avere una identità chiara e di saperla trasmettere nel modo corretto.

Abbiamo parlato tanto  nei post predenti di quanto sia importante trovare la propria identità, la propria filosofia, la propria unicità e non voglio fracassarvi ancora con gli stessi discorsi.

Oggi invece voglio analizzare il modo in cui molti di voi, attraverso un modo totalmente errato di fare comunicazione non fa altro che confondere i propri clienti (che forse è l'errore mortale che nessun imprenditore dovrebbe mai commettere).

Vediamo quali sono le frasi che mai dovrebbero essere utilizzate nel marketing della ristorazione e che invece continuo a leggere ogni giorno su siti, pagine facebook o cartelloni pubblicitari:


1    -    "...I PREZZI PIU' BASSI DELLA CITTA'"

Da quando è iniziata la recessione economia moltissimi ristoratori hanno iniziato a non vedere più l'ombra di un cliente e questo richiedeva senza dubbio un cambiamento nel modo di fare marketing.
Molti di voi, non capendo una cippa di come si gestisce un'impresa (visto che non ne avevano mai avuto bisogno) hanno cominciato a fare le scelte più insensate:
  • Fare economia sulle materie prime
  • Licenziare lo chef ed improvvisarsi in cucina
  • Iniziare ad abbassare i prezzi
  • .......
Le conseguenze di queste scelte (che non sono da considerarsi azioni di marketing) hanno solo accentuato una situazione già critica spingendovi in una spirale dalla quale risulta sempre più difficile uscire.

Abbassare i prezzi (a meno che non siano al di sopra del vostro livello) non è mai una scelta di marketing azzeccata per un concetto molto semplice:

Una buona strategia di marketing ha come caratteristica quella di essere difficilmente copiabile

Detto fra di noi, ogni coglione è buono ad abbassare i prezzi e quindi ogni vostro concorrente potrebbe applicare i prezzi più bassi dei vostri, mettendo in atto una guerra  dalla quale potranno uscire solamente perdenti.


2   -   "UN LOCALE PER TUTTI I GUSTI...ADATTO PER OGNI OCCASIONE"

Chi mi segue da un po' sa già il motivo per cui reputo questa tipologia di frasi l'antitesi del buon marketing.

Sopravvivere oggi nel mercato moderno è senza dubbio difficile più che mai ed il motivo principale è semplicemente uno:

L'offerta è decisamente superiore alla domanda

Questo significa che il cliente ha l'imbarazzo della scelta ed ha completamente in pugno il vostro successo professionale.

L'unica vera strategia di successo nella ristorazione è quella di distinguersi attraverso un'offerta chiara e definita, il che significa fare decisamente bene una o poche cose ed evitare come la peste la tentazione di fare tutto per tutti.

Nella sua semplicità questo concetto implica delle scelte importanti ed estremamente difficili fra le quali quella di riferirsi ad un determinato target di clientela  il che significa di conseguenza lasciarne fuori (per scelta) un'altra parte.


3   -   "VI SENTIRETE COME A CASA VOSTRA"

Nella ristorazione, oggi più come mai, il cliente non si reca in un ristorante per mangiare, o comunque non solo per quello.

Quello che oggi il cliente cerca è la possibilità di vivere delle emozioni positive, emozioni che passano attraverso tutti i sensi a propria disposizione.

Se questo è vero, per quale motivo il cliente dovrebbe sentirsi come a casa sua, quando per farlo gli basterebbe restarsene a casa sua?


Il cliente cerca un'esperienza, vuole  essere protagonista della ristorazione, vuole trovare un ambiente che trasmetta una filosofia di vita, vuole sentirsi importante...naturalmente tutto questo mentre mangia bene.


Tornando al discorso di prima, una buona strategia di marketing deve avere come caratteristica quella di essere difficilmente copiabile dai vostri concorrenti e per far questo dovete concentrarvi su tutto ciò che non è tangibile piuttosto che su ciò che è tangibile.

Fate vivere al vostro cliente un'esperienza indimenticabile invece di farlo sentire come a casa sua e lo avrete conquistato per sempre.


4   -   "DA ZIO PEPPINO, RISTORANTE DAL 1992..."

Per quanto nella ristorazione l'esperienza sia fondamentale vi dico una cosina in confidenza:

"Al cliente non gliene frega una mazza da quanto tempo siete aperti e tanto meno se cucinate come 50 anni fa"

Il cliente moderno è decisamente un cliente molto più attento, più esigente, più preparato di quello di un tempo.

E se il cliente è cambiato deve cambiare anche la ristorazione, andando incontro ai gusti, ai bisogni ed alle tendenze della clientela.

Questo non significa che dovete stravolgere i vostri piatti, per carità, significa che il cliente vuole sapere solo ed esclusivamente cosa fate, come lo fate, perché dovrebbe scegliere voi oggi, punto.

Se fate le cose fatte male, il fatto di essere presenti nella vostra città da 70 anni non vi salverà il culo.

Quando il cliente apre un sito trovando tutta la cronostoria del locale con tutta la supercazzola di tutti gli antenati, allegando magari foto vecchie di clienti oramai morti non fa che annoiarsi.
(In realtà in pochissimi casi questo può essere un buon modo di fare marketing...pochissimi).


Nel marketing, la comunicazione è a dir poco fondamentale.
Le parole che decidete di utilizzare (insieme a tanti altri fattori) possono fare la differenza fra avere un locale pieno o vuoto, fra il successo e l'insuccesso.

Sta a voi decidere da che parte stare.



2 commenti:

  1. Complimenti per tutte le informazioni date. Sono pienammente d'accordo.

    Coccolare il Cliente e coinvolgerlo e' l'arma vincenteper avere successo e lavorare con tanta serenita' e successi.

    RispondiElimina

Come il neuromarketing può aiutarti nella creazione di un menù che ti faccia guadagnare di più

Sulla creazione di un menù che possa vendere di più è stato già scritto in questo blog. In un precedente articolo ( CLICCA QUI PER LEG...